JEvents Calendar

May 2019
S M T W T F S
28 29 30 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

JEvents Filter

Latest JEvents

No events

Phoca Gallery Tree Module

07/06/2009: Online foto gita al rifugio Garzonera 1973 m

Rifugio Garzonera 1973 m 

La gita last minute con meta il rifugio Garzonera 1973 m con partenza da Nante 1424 m si e' svolta secondo programma, in barba alle bizze della meteo. Due partecipanti: Giancarla e Vinz.

Partiti da Nante intorno alle 09:00, dopo aver assistito ad una tipica scena di vita contadina, (il paesano che accompagnava al pascolo 3 neonati vitelli), ci siamo diretti verso Cassina di Prato 1613 m, passando da Roncascio, Segna, Ressiga, e Alpe nuova, dove abbiamo fatto una breve pausa, osservando l'ambiente circostante. 

Ripreso il cammino, abbiamo attraversato il ponte di legno a quota 1613 m e ci siamo diretti verso Pian Taioi 1668 m, passando per l'alpe omonima e proseguendo lungo il sentiero classico che conduce al Rifugio Garzonera passando ai piedi del Mottone di Garzonera 1963 m, lungo il suo versante Ovest.

Improvvisamente, un tipico rumore invernare ha echeggiato in tutta la valle: una valanga di neve bagnata, appesantita dalla nevicata del giorno prima, si e' staccata dalla base della lunga cresta rocciosa che dal Passo Sassello 2336 m va fino al Pizzo Scheggia 2559 m passando per i Piattelli del Piatto 2456 m, ricordandoci che l'inverno 2008/2009 e' stato piuttosto intenso e nevoso. Lunga la strada sterrata, un grosso fagiano di monte completamente nero e con un cerchio di color bianco al collo (o un Urugallo ?), e' svolazzato via da un cespuglio poco distante dal sentiero, cogliendoci di sorpresa. Siamo dunque giunti verso le 10:30 all'Alpe Garzonera 2003 m, dove abbiamo avuto la fortuna di sorprendere una mamma marmotta con il suo tenero cucciolo, ancora avvolti dalla soffice e calda pelliccia invernale. 

Visto l'orario prestivo (solo le 10:50), abbiamo deciso di dirigerci verso il sentiero bianco e blu che conduce in direzione del Poncione di Sambuco 2581 m, al fine di perlustrare la zona, ancora pesantemente invvevata, per una prossima escursione che preveda la traversata "Garzonera - Valle dei Cani - Tremorgio". Dato la presenza non lontana di svariati banchi di nebbia, nelle vallate sottostanti e pronti a risalire senza preavviso dalle nostre parti, abbiamo tracciato, GPS alla mano, l'itinerario percorso, marcando dei punti di passaggio, al fine di rientrare a ritroso in caso di visibilita' zero. Il test del GPS ha funzionato alla grande, e si e' dimostrato efficace e preciso. Grazie alla nuove funzionalita' dell'apparecchio GPS (vista topografica 3D a colori del territorio circostante, touch-screen, ecc...) la navigazione alla cieca (+ scorta di un set di batterie di emergenza) con il GPS e' incredibilmente affidabileSurprised.   

Dopo aver ammirato l'affascinante ambiente alpino circostante, determinato principalmente dalla presenza del maestoso Poncione di Sambuco e dal temibile Pizzo Scheggia, siamo rientrati al Rifugio Garzonera, dove abbiamo pranzato all'esterno, sotto il sole cocente, alternato a qualche cumulus ribelle, e comodamente seduti sulle panchine e tavoli in splendido granito lavorato e posato ad opera d'arte dalla SAT Ritom. Proprio un bel rifugio! 

Dopo pranzo, verso le 13:00 siamo rientrati seguendo piu' o meno l'intinerario di salita, con leggere varianti. Lungo il sentiero di rientro siamo stati colti da un'improvviso e repentino cambio della meteo, che ha visto per qualche breve istante una pioggia di piccoli chicchi di neve quasi ghiacciata: un occasione per provare la nuovissima e fiammante super-giacca delle guide alpine contro qualsiasi intemperiaLaughing.  Dopo una manciata di minuti, sopra le nostre teste,  risplendeva un forte e caliente sole nel lindo cielo bluCool : spettacolo !

Grazie Giancarla, alla prossima. Peccato per chi non ha potuto unirsi a noi.Cry

Ciao, VINZ